In caso di mancata informazione circa il cambio del vettore aereo, è possibile richiedere la risoluzione del contratto e il risarcimento dei danni patrimoniali?

“In caso di mancata informazione o di incompleta informazione, il passeggero può chiedere la risoluzione del contratto, il rimborso del biglietto e il risarcimento del danno. Ovviamente ciò presuppone che il passeggero, venuto a conoscenza dell’effettivo vettore aereo decida di non imbarcarsi e, conseguentemente, di non partire. La scelta di effettuare comunque il viaggio impedisce di chiedere il rimborso del biglietto non potendosi invocare la disciplina prevista per le sistemazioni in classi inferiori previste in caso di disservizio. Ai fini di una corretta disamina della singola fattispecie bisogna verificare se la compagnia aerea sostitutiva offra gli stessi servizi e stesse garanzie di sicurezza dell’originaria. Quanto poi al risarcimento dei danni non patrimoniali subiti, va ricordato che la Suprema Corte parla della necessità di un danno risarcibile che deve essere grave e non futile, nel senso che l’offesa subita deve superare una soglia di tollerabilità.”

Trib. Napoli, Sent. N. 2612/2016

Contattaci per una consulenza gratuita dedicata all'emergenza covid-19, compila il form e sarà un nostro esperto a chiamarti per fornirti assistenza.

Parliamone al telefono


+393335916909

Sentiamoci via email


    Nome (obbligatorio)

    Email (obbligatorio)

    Messaggio